Ultime novità

Separazione e divorzio: addebito se è la scoperta di SMS a creare la crisi

La corte di Cassazione con sentenza n. 5510 del 6 marzo 2017 ha stabilito che giustifica l’addebito della separazione la scoperta di SMS sul telefono cellulare del coniuge quando essa si pone come causa della crisi coniugale.
Settembre 27, 2019/da michele

Studenti o bamboccioni? obbligo di mantenimento dei figli maggiorenni

È noto che, il mantenimento dei figli non economicamente autosufficienti da parte di un genitore, in costanza di separazione legale dei coniugi, superata la maggiore età, si fonda su di un accertamento di fatto che ha a riguardo l’età, l’effettivo conseguimento di un livello di competenza professionale e tecnica, l’impegno rivolto verso la ricerca di un’occupazione lavorativa nonché, in particolare, la complessiva condotta personale tenuta, dal momento del raggiungimento della maggiore eta’
Settembre 27, 2019/da michele

Danno insidia stradale e incidente mortale: risarcimento danno da morte e lesioni

Pur premettendo che ogni caso ha la sua risposta si può…
Settembre 26, 2019/da michele

Coniuge non affidatario dei minori: rimedi e sanzioni

Spesso mi viene domandato se il genitore non affidatario (di solito il padre) abbia un vero proprio obbligo di ottemperare al diritto di visita stabilito in sede di separazione o di divorzio e cosa succeda qualora egli lo violi.
Settembre 26, 2019/da michele

Messaggi WhatsApp: sono una prova?

La sentenza n. 49016 della Corte di Cassazione Penale afferma…
Settembre 26, 2019/da michele

Al coniuge che lascia il lavoro niente assegno: separazione e divorzio

Il tenore di vita matrimoniale non è più parametro di riferimento, essendo necessario verificare il raggiungimento dell’indipendenza ed autosufficienza economica
Settembre 26, 2019/da michele

Responsabilità civile: danno da caduta

Se cadi sul ghiaccio o sulla neve (ma il concetto è applicabile in linea generale ad ogni incidente dovuto ad insidia presente sul percorso) occorre indagare se vi possa essere responsabilità del custode ai sensi dell’art. 2051 del codice civile. Sia che si tratti di privati (e quindi anche condomini, oppure negozi) si di enti pubblici, sussiste l’onere di predisporre tutti gli accorgimenti possibili per evitare che il bene (marciapiede, strada, portico etc.) costituisca un pericolo per la collettività e, quindi, per chi vi transita.
Settembre 26, 2019/da michele

Ritardo diagnostico e onere probatorio: malattia ed esito infausto

«La violazione del diritto di determinarsi liberamente nella…
Settembre 26, 2019/da michele