Pur premettendo che ogni caso ha la sua risposta si può affermare, in linea generale, fare le seguenti riflessioni.

Ciò con l’intento di orientare, almeno in prima battuta il lettore.

La possibilità di richiedere con successo un risarcimento non può prescindere dal corretto assolvimento dell’onere della prova da pare del danneggiato il quale deve dimostrare la sussistenza di una situazione  di pericolo basata su due requisiti specifici: l’uno soggettivo, l’imprevedibilità, l’altro oggettivo, l’inevitabilità. In pratica deve trattarsi di insidia o trabocchetto, ovvero di un pericolo occulto non prevedibile con l’ordinaria diligenza.
La prevedibilità consisterebbe in una serie di elementi di fatto, che farebbero rappresentare nella mente del soggetto impegnato nell’azione la rappresentazione di un possibile imminente pericolo suggerendo così di procedere con grande prudenza ed attenzione.
Per quanto concerne l’elemento della inevitabilità esso si aggancia alla visibilità. Sul punto si ritiene non essere sufficiente l’accertamento dell’astratta possibilità meccanica di una tempestiva percezione del pericolo, dovendosi considerare che lo stato soggettivo, in cui legittimamente versa il soggetto coinvolto, può incidere in misura determinante su tale elemento obiettivo, ritardando il momento dell’avvistamento.
I predetti requisiti, influenzandosi reciprocamente, devono concorrere in stretta connessione all’accertamento della figura che viene generalmente definita insidia stradale.
Il danneggiato dovrà dare prova dell’anomalia del bene (strada e perciò manto stradale) mentre l’amministrazione dovrà dimostrare i fatti impeditivi della propria responsabilità, quali la possibilità in cui l’utente si sia trovato di percepire o prevedere con l’ordinaria diligenza la suddetta anomalia o l’impossibilità di rimuovere, adottando tutte le misure idonee, la situazione di pericolo. E sotto questo profilo, prenderà grado in punto di addebito della colpa, il non aver vigilato ed essersi tempestivamente attivata per il ripristino della situazione di pericolo.